Carnival fritters

by Mirella Facchin

This recipe comes from the mom of my friend Alessandra. This is a traditional Carnival sweet (yes, we’re a wee bit early) well-known everywhere in Italy, albeit with different names depending on the region: “Chiacchiere” (=chit-chat) “Bugie” (=lies), “Cenci” (=rags), plus others which are meaningless also in Italian like “Frappe” “Crostoli” or “Galani”.

Health hypocrisy generated the monster of an oven version which in our family is tantamount to blasphemy, so I won’t spend any more time on it. Having said that, the eggs will make sure the dough absorbs very little oil, so after a minute or two of cooling, the fritters will be surprisingly dry.

Ingredients (serves 8-10)

  • 100g butter
  • 2 large tablespoons of sugar
  • 500g “00” flour (finely ground flour, if you don’t know what I am talking about, read this)
  • 2 whole eggs + 2 yolks
  • 2 tablespoons of whole milk
  • 4 tablespoons of rum
  • grated zest of 2 lemons

Melt the butter, add sugar and milk and a pinch of salt. Make a flour volcano and place this mix in its center, followed by the eggs, rum and lemon zest. Knead the dough thoroughly (at least 20 minutes, if available use a kneading machine) then let it rest 20 minutes before you roll it into layers “so thin you can see through”.

Rolling the dough is best done with a pasta machine like this one, working progressively through the rollers steps all the way to the last one (don’t cheat, though, only one step at a time !)

Cut the dough into sheets of 20×10 cm with two halfway cuts in the middle of each.

Heat peanut oil in a large frying pan to 170/180 °C and fry each sheet individually for no more than 30 seconds (see video), then put it to cool on kitchen paper.

Sprinkle generously with powdered sugar before serving, but eat carefully: they’re so thin they break easily!

Did banning #45 put an end to the Internet as we know it?

I loathe the forty-fifth POTUS to the point I refused to write his name for the four disgraceful years he was in office; my American “background” is rooted in Boston, so you can well guess what is my leaning when it comes to American politics. I think #45 trampled over the rule of law so many times it’s impossible to count, and he deserved to simmer for the rest of his life in the ignominy of irrelevance, a small inconsequential bump on the road to bettering the world and the United States.

I rejoice that he’s been brought down politically, soundly defeated in a democratic election despite his many attempts to thwart its unequivocal result.

But I don’t think banning him from Social Networks was a good thing.

The “he violated the platform’s T&C” argument rings a bit hollow, as he did so constantly every day since jan 20th, 2017 without them blinking an eye, maybe because at the same time he was contributing to their growth by getting millions on those platforms – why did this violation became to egregious to prompt his banning only now? Because a thousand drunkards ravaged the Capitol? What about Charlottesville, then?

Sorry, but I don’t buy this. I think instead that once the orc had fallen, keeping him on became an overall liability so beware: each of us might face the same destiny if at some point some beancounter in a windowsless office at Facebook or Twitter’s HQ decides we are doing it more harm than good.

But I would like to raise another point.

For years the Social Networks have maintained the stance of “Net neutrality”, in other words, they likened themselves to the telephone line; accordingly, they could not be held responsible for the babblings of lunatics, any more than a telephone company could be held responsible for 9/11 terrorists using their phone lines to coordinate their attacks.

They said they were NOT like newspaper Publishers, who are ultimately responsible for every article that journalists write on their pages or websites, but by banning an unwelcome member they acted exactly like Publishers, choosing what gets published on their platforms. In stark contrast, #45 still has unrestricted use of his phone lines.

I suspect we are witnessing the single most important decision ever taken by web companies and I suspect it won’t be long before Justices in the U.S. and abroad start changing their views on the corresponsibility of user generated content.

Therefore we can expect far more “active moderation” by platforms to avoid billions in lawsuits, and therefore political oversight over such moderation criteria might be mandated. And what about those countries where such political oversight won’t be merely enforcing “civility”?

“In cauda venenum” said the Romans “the poison is in the tail”; after all, it seems #45 has achieved his dream of being remembered forever: if Tim Berners-Lee has birthed the Internet, the Orange Monkey on the very day of his fall, brought it to its demise.

Perché abbandonare Whatsapp?

ENG

Stamattina ho comunicato ai miei amici che dal 7 febbraio non sarò più su Whatsapp.

La decisione è stata stimolata dall’annuncio di un cambio di policy sulla privacy che andrà in effetto per l’appunto l’8 febbraio 2021, grazie al quale Whatsapp potrà condividere i contenuti delle conversazioni private con Facebook (la sua capogruppo) per permettere un più accurato targeting degli annunci pubblicitari: in altre parole, tu discuti di un week-end a Portofino con tua moglie, e su Facebook ti compaiono annunci pubblicitari degli hotel in quella località.

Immediatamente, alcuni amici hanno risposto facendo diverse osservazioni, e per evitare di spiegare la stessa cosa cento volte, ho pensato di scrivere qui le ragioni della mia decisione.

  1. Il fatto che non venga applicata in Europa non la trasforma in “una buona cosa”; in effetti, è semmai la prova provata di come NON LO SIA: è così cattiva che in alcune parti del mondo è addirittura vietata.
  2. Ci sarà chi sostiene che “tanto sanno già tutto di noi”; mentre ciò è senz’altro vero in aggregato, non c’è una singola azienda che sa tutto: Google conosce le mie ricerche e i miei spostamenti, Facebook controlla le mie interazioni social, LinkedIn ha le mie informazioni lavorative, Amazon quelle relative ai miei acquisti, Paypal quelle sui pagamenti – diciamo che il mio rischio è spalmato su molte aziende tra di loro indipendenti; per la cronaca, questa è anche la ragione per cui non uso Waze o compro nulla su FB, ed è la ragione principale per togliermi da Whatsapp.
  3. La considerazione che “ce l’hanno tutti” non mi convince affatto: rifiuto di farmi incastrare da un tasso di adozione alto poiché mi priva dell’unica arma efficace che ho contro lo strapotere dei giganti del web, cioè smettere di usare i loro servizi. Non mi piaceva come stava evolvendo Windows e ho smesso di usarlo. Non mi piacque l’iPhone quando uscì e non ne ho mai comprato uno. La scelta è per me una libertà sacra che intendo usare ogni volta che un fornitore fa qualcosa che non mi piace. Tengo esattamente lo stesso atteggiamento nei confronti dei fornitori di energia che cambio senza esitazione appena si comportano male. In casa nostra c’è un salutare mix tra iOs / macOS / Android ma c’è anche una licenza famiglia per Microsoft Office: non è sempre tutto facilissimo, ma ci lascia molta flessibilità.
  4. Whatsapp è tra i peggiori divoratori di dati nel corso dello svolgimento del suo servizio, subito dietro il voracissimo Facebook Messenger: qui sotto potete trovare un confronto tra le varie app di messaggistica in termini di quali dati registrano, che ho compilato a partire da questo articolo:

Niente più messaggistica?

Nient’affatto – sulla base della tabella qui sopra, ho deciso di seguire il consiglio di Elon Musk e di cominciare ad usare Signal: non solo non raccoglie alcun dato utente, è anche Open Source, dunque in pratica non “appartiene” a nessuno. Era stata questa la ragione che mi aveva spinto ad usare Firefox, anche se ammetto che ogni tanto torno a Chrome quando la volpe di fuoco rallenta troppo.

Avrei potuto scegliere Telegram, ma il fatto che il suo proprietario sia un’azienda con sede a Dubai appartenente ai due fratelli che hanno fondato VKontakte, il Facebook russo, mi fa suonare qualche campanello d’allarme in testa; allo stesso modo, non intendo usare una app cinese.

Dunque nessuna rivoluzione, in sostanza alla fin fine semplicemente non voglio mettere tutte le mie uova nello stesso paniere, ma sarò lieto di continuare a chiacchierare su Signal.

All eggs in one basket? | InterWealth Group

Why quit Whatsapp?

ITA

This morning I announced to my friends I was quitting Whatsapp, effective feb. 7th, 2021.

The decision was prompted by an announced change in Whatsapp’s privacy policy (effective february 8th) which would allow it to share private conversation data with Facebook in order to better tailor ads: in other words, you discuss a possible weekend in Portofino with your wife and you get bombarded by ads about hotel deals there.

Immediately some of these friends reacted with various objections so, to avoid repeating the same explanations over and over, I thought of summarizing the reasons for my decision here.

  1. The fact that it does not go in effect in Europe because of GDPR does not mean it’s “a good thing”; in fact it’s a smoking gun of the opposite: it’s so bad, it’s against the law in some parts of the world.
  2. Some argued that “they already know everything about us”; while ON AGGREGATE this is certainly true, not single company knows everything: Google owns my searches and my travels, Facebook owns my social interactions, Linkedin my job data, Amazon my purchasing info, Paypal my payment info – it’s kind of spread across independent companies; BTW, that’s my rationale for not using Waze or not buying anything on FB, so it’s also my main reason for dropping Whatsapp.
  3. The argument “everybody has it” is equally hollow, at least for me: I refuse to accept adoption lock-in on grounds it deprives me of the only effective weapon against tech behemots, i.e. to stop using their service. I did not like the way Windows evolved, so I stopped using it. I did not like the iPhone when it came out, so I never bought one. I regard choice as a sacred freedom and wish to avail myself to such freedom when a provider does something I don’t like. I have the same attitude towards energy providers which I fire remorselessly as soon as they misbehave. In our house there is a healthy iOs / macOS / Android mix, but also as a family license for Microsoft Office: not always super-easy, but it preserves our flexibility.
  4. Whatsapp is among the worst offenders in terms of how much data it collects when it performs its service, right after the vampirish Facebook Messenger: find below a comparison among the various messaging apps of data recorded, which I compiled from this article:

No more messaging?

Not really – based on the table above I decided to heed Elon Musk’s suggestion to use Signal instead: not only it does not collect or store ANY user data, it’s also Open Source, so nobody “owns” it. That was also my reason to use Firefox, although I admit from time to time I lapse back into Chrome when Firefox becomes a little too slow.

I could have picked Telegram, but the fact it has an owner, which is a Dubai company owned by the founders of Russian social network VKontakte, sort of rings an alarm bell in my head. Similarly, I would never use a Chinese service.

So, no big deal, I guess I simply don’t want to put all my eggs in the same basket; happy to continue to chat on Signal.

All eggs in one basket? | InterWealth Group

Under the tree…

ITA

Christmas Eve thought: if 2020 really changed our lifestyle, how did it change gift-giving? How has it made it less physical and more virtual?

I guess the question translates to “How do I make a virtual present to those which will happen to read these words?” Dang, why don’t I offer some reading advice. Here it comes, my list of the

5 books you must not skip reading in 2021

No particular order, and most are essays.

A small essay masquerading as narrative, but really about how your pre-conceptions can throw you off from what reality really is.

Yeah, right, Physics, what a drag. Well, first of all, understanding some Physics a little better never hurt anybody, but the point of this book is that “What we cannot explain, we haven’t really understood”

And if you already read this, you can move to “Six not-so-easy pieces”…

It may look like a book on the origin of the Universe, but instead it’s a Philosophy treaty dealing with creation. As someone said, Science explains “how” the world works, Religion explains “why”

The ten major “inventions” of evolution. An excellent book which requires some commitment; it makes the list even though the last three are not as riveting as the first seven.

Recommend a book from where a movie was made? If the author is Michael Lewis, why not ? (Oh, and by the way, if you haven’t seen the movie, go fix this !)

Sotto l’albero…

ENG

Pensavo oggi che se veramente il 2020 ha modificato i nostri stili di vita in modo irreversibile, anche il rito dei regalini di Natale forse è cambiato, è diventato meno fisico e un po’ più virtuale.

Dunque come faccio a fare un regalino virtuale a chi leggerà queste parole? Ma è ovvio, gli consiglio qualche buona lettura, ed ecco qui la mia lista dei

5 libri che non potete non leggere nel 2021

Non sono in alcun ordine e, sì, sono in maggioranza saggi

Amazon.it: Flatlandia. Racconto fantastico a più dimensioni - Abbott, Edwin  A., D'Amico, M. - Libri

Questo è un piccolo saggio mascherato da racconto e tratta di quanto radicali possano essere i pregiudizi. Un bel regalo: in un’ora potete diventare una persona migliore.

Sì lo so, la Fisica, che palle… ma qui il problema non è capire la Fisica (anche se non ha mai fatto male a nessuno) ma capire che “ciò che non siamo in grado di spiegare, significa che non lo abbiamo veramente capito”.

Chi lo avesse già letto può passare direttamente a “Sei pezzi meno facili”…

Sembra un libro sull’origine dell’Universo e invece è un trattato di Filosofia che tratta della creazione. Come diceva qualcuno, la Scienza ci dice “come” succedono le cose, la Religione ci dice “perché”…

Le dieci maggiori invenzioni di cui è stata capace l’evoluzione; questo libro è talmente avvincente che lo consiglio anche se le ultime tre non sono all’altezza delle prime sette.

Consigliare un libro da cui hanno tratto un film? Beh, se è di Michael Lewis, sicuramente. Così contemporaneamente vi consiglio anche un bel film, se per caso non lo aveste visto…

Ciambelle

di Mirella Facchin

Ingredienti

  • 35g burro morbido
  • 180ml latte a temperatura ambiente
  • 410g farina tipo 00
  • 55g zucchero
  • 15g lievito madre disidratato
  • 1 uovo piccolo + 1 tuorlo
  • 1/4 cucchiaino estratto di vaniglia
  • 1/4 cucchiaino di sale

Procedura

Sciogliere il lievito con metà del latte e 2 cucchiai di farina e lasciarlo riposare coperto al caldo per un’oretta.

Nel frattempo sciogliere il burro nel latte restante. In una ciotola mescolare farina e zucchero e, a parte, mescolare uovo, tuorlo e vaniglia.

Quando il lievito si sarà attivato (si formano bolle sulla superficie) aggiungerlo alla farina + zucchero e impastare. Aggiungere burro e latte e poi il composto di uovo e vaniglia a cui solo all’ultimo momento si aggiunge il sale. Il composto va impastato a lungo: 10 min. nell’impastatrice o 20 min. a mano.

Formare un panetto, metterlo in una ciotola e porre in luogo tiepido a lievitare per 90 min. e comunque fino al raddoppio. Coprire la ciotola con la pellicola e mettere in frigo per almeno 3 ore.

Riportare l’impasto a temperatura ambiente, stenderlo all’altezza di 1cm e con due coppapasta formare le ciambelle. Disporre ben distanziate su una placca foderata da carta da forno leggermente infarinata, coprire con un canovaccio e porre in luogo tiepido a lievitare per circa un’ora o fino al raddoppio di volume.

Friggere in abbondante olio di semi di arachide ben caldo fino a doratura, scolare su carta assorbente e passare nello zucchero semolato. Servire immediatamente.

Le avventure elettriche di Zorba e Svetlana

Novembre 2020; in pieno lockdown devo recarmi ad un appuntamento di lavoro che non può essere fatto per via telematica. Per di più si svolgerà molto lontano, a Conegliano in provincia di Treviso e purtroppo la mia auto è in manutenzione e posso contare solo su una sostitutiva che ha una batteria molto più piccola della mia. Parto dunque di buon’ora e mi fermo a caricare a Sommacampagna, dove so che c’è un buon ristorante proprio accanto alla stazione di ricarica.

Finito il mio pranzo esco per riprendere il viaggio e vedo che accanto alla mi auto c’è ferma una Audi e-tron S quattro; ci sono a bordo un uomo che mi dice di essere di nazionalità greca e una donna dai tratti vagamente slavi che perciò chiamerò Zorba e Svetlana. Sono entrambi molto eleganti, perfettamente in linea con il lusso dell’auto.

Zorba è impegnato in una conversazione telefonica poco distante mentre Svetlana fissa la stazione con aria piuttosto smarrita: accanto a lei sono sparsi per terra il carichino ed il cavo Tipo2 che lei ha prelevato dal frunk dell’auto. Immaginando che stiano aspettando che io liberi la stazione, mi affretto a controllare, scoprendo che mi mancano solo 10 minuti.

Vista l’aria smarrita, chiedo a Svetlana se abbia bisogno d’aiuto e la poveretta mi confessa che non sa come fare a pagare; parla abbastanza bene l’italiano e cerco di spiegarle che deve registrarsi sulla app di Enel X, lei mi dice che lo hanno fatto sul telefonino di Zorba ma che non funziona. In effetti quando sono arrivato neppure io sono riuscito a far partire la stazione con l’app (grrrrrr!) e non mi meraviglio.

Però Svetlana e Zorba non sanno neppure dove sia la porta di ricarica della loro auto: dunque prima mostro loro dov’è e come si apre, poi spiego la differenza tra AC e DC ed infine per farla breve faccio partire la ricarica con la mia tessera (nel frattempo ho finito) e gli lascio il mio biglietto da visita perché possano mandarmi via Paypal i soldi quando avranno terminato.

Zorba (che di italiano non spiccica nemmeno una parola) però non ne vuol sapere ed insiste per mettermi in mano cinquanta euro: io sono sicuro che siano troppi, anche se l’auto fosse completamente scarica, cerco di resistere ma lui non intende ragioni; comunque ormai ho una certa fretta per cui li saluto, non prima di avergli consigliato di verificare che l’albergo dove staranno abbia una wallbox dove ricaricare l’auto.

L’ultimo scambio con Zorba è allegro: lui mi ringrazia per averli tolti d’impiccio ma io gli rispondo che oltre al desiderio di aiutare un collega elettrico l’ho fatto per la simpatia che mi ispira una persona “crazy enough” da muoversi con un’auto di cui non sa nulla.

Lui ride e mi fa ciao con la mano.

Il giorno dopo mi squilla il telefonino: è Svetlana da Padova che quasi in lacrime mi racconta che in albergo in due ore hanno caricato meno del 10% della batteria: le spiego che è normale, la loro batteria è talmente grande che servirà tutta la notte per caricarla completamente. Lei mi dice che Zorba sta mancando tutti i suoi appuntamenti e non è affatto contento.

Le consiglio di provare nuovamente a registrarsi, se riesce a far quello poi le basterebbe chiamare il Call Center per avviare la ricarica, ma lei dice che non ci riesce, chissà perché. Rompo persino le scatole ad un amico in ENEL per chiedere se si possa far aver loro una tessera, ma ovviamente la cosa non è possibile in tempi veloci.

A questo punto mi sento un po’ in colpa, se li avessi aiutati a registrarsi li avrei tolti definitivamente dai guai, ma ero di fretta e non m’è venuto in mente.

La sera stessa ho un’ultimo scambio con Svetlana e scopro che l’auto è a noleggio e chi gliel’ha noleggiata non ha pensato ad informarli che fosse elettrica né a provvederli di tessera di ricarica. Zorba (che non è affatto greco ma è un industriale svizzero nel campo del fotovoltaico) in effetti è arrivato venerdì mattina presto col suo aereo privato a Malpensa, ha ritirato l’auto e Svetlana (che non è affatto slava) ed è partito alla ventura; dopo essersi separati, ora lui sta andando all’aeroporto per restituire l’auto. Chiedo a Svetlana di sincerarsi se sia bloccato da qualche parte offrendomi di soccorrerlo con la mia tessera visto che a questo punto non sarà lontanissimo, ma lei non mi richiama, dunque immagino che in qualche modo se la sia cavata.

Il coraggio di Zorba e Svetlana rasenta l’incoscienza, la totale mancanza di professionalità della compagnia di noleggio meriterebbe di avere un nome e un cognome che, se Svetlana mai mi comunicherà come le ho chiesto, non mancherò di condividere!

Virus: una prospettiva diversa

Sono diversi mesi che non scrivo sul Covid e non ho intenzione di ricominciare a farlo, perché ho capito che cercare di analizzare i numeri senza scadere nel tifo è quasi impossibile.

Però quest’ultima cosa voglio scriverla, spinto da tutti coloro che postano le tabelline che confrontano “oggi” con una “qualche data” della prima ondata, secondo me confrontando mele con pere.

Non mischiate le mele con le pere — La Pagina

Qui c’è una delle ultime, presa dal Corriere della Sera:

L'immagine può contenere: il seguente testo "I numeri 21 marzo 14 ottobre 6.557 Contagi 7.332 26.336 Tamponi 25% 152.196 Positivi/ tamponi 4,8% 793 Vittime 43 7,8% Letalità 17.708 0,3% Ricoverati con sintomi 5.470 2.857 Terapie intensive 539 Corriere della Sera"

Si paragona il 14 ottobre al 21 marzo perché i contagi erano più o meno gli stessi, come a dire:

Vedete? Non c’è di che preoccuparsi! È vero che i contagi sono molti, ma allo stesso punto durante la prima ondata i ricoveri e le terapie intensive erano molti di più. Insomma, abbiamo imparato a curarli, si muore molto di meno, evviva !

Se il numero di contagi individuati dipende dal numero di tamponi, è evidente che il valore di 6/7mila contagi non identifica affatto lo stesso punto sulle due curve di accrescimento. Partirei invece dall’unico dato veramente certo, e cioè i ricoveri in terapia intensiva.

I 539 pazienti di oggi andrebbero perciò confrontati con i 567 del 7 marzo, quando i contagi individuati erano solo 1.145, 1/6 di quelli di oggi, spiegabilissimo col fatto che il 7 marzo si fecero 5.703 tamponi contro gli oltre 150.000 del 14 ottobre.

Io temo perciò che non abbiamo affatto fatto questi enormi progressi nell’evitare la terapia intensiva e che se la curva seguirà l’andamento della prima ondata senza venir corretta da interventi restrittivi azzardo che entro 14 giorni toccheremo il nuovo picco di contagi con circa 30.000 positivi al giorno mentre le terapie intensive si satureranno nuovamente intorno al 12 novembre.

Ho perso un amico

Questa mattina Silvio Ambrosi se n’è andato, portato via da una malattia diagnosticatagli solo da poco tempo.

Di tutti i colleghi che lo hanno conosciuto in Lotus e poi nelle varie aziende dove ha operato, credo di essere uno di quelli che lo conosceva da più tempo e vorrei condividere qualche ricordo.

Io e lui ci siamo incontrati però in Olivetti: io ero il più junior dei venditori, approdato da pochi mesi in quella fenomenale fucina di talenti commerciali che era la Olivetti degli anni ’80, dove lui era entrato da qualche anno ed aveva già cominciato a fare carriera, e ci conoscemmo quando divenne il mio capo.

Difficile descrivere quanto in quegli anni fossero diverse le abitudini anche sociali della Olivetti da quelle della IBM da cui provenivo: le filiali in via Cornaggia nel centro di Milano erano quelle dedicate alle banche ed erano familiarmente chiamate “la piscina degli squali” ove io mi trovavo a far la parte…. del dentice. Silvio mi aiutò a capire come funzionavano le cose, la ritualità delle riunioni alle nove di sera, mi insegnò a leggere i programmi di incentivo semestrali, mi spiegò come ottenere in anticipo informazioni sui prodotti in più rapida consegna, mi indicò chi nel marketing centrale poteva aiutarmi a chiudere una trattativa. Insomma, mi insegnò un mestiere per il quale capì che ero portato.

Un paio d’anni dopo me ne andai per aprire la filiale italiana di Lotus e non appena la crescita meteorica di quest’ultima creò una posizione da Direttore Commerciale io chiamai Silvio che accettò con entusiasmo: siamo dunque stati l’uno il capo dell’altro, ed è una cosa che non succede spesso nel mondo del lavoro.

Chiunque abbia conosciuto Silvio ha capito immediatamente che era un uomo buono e in pace con se stesso: nella decina di anni che abbiamo lavorativamente passato insieme non gli ho mai sentito alzare la voce o proferire un improperio, anche nei momenti di maggiore tensione.

Tra le tante foto che ho di lui ho scelto questa:

Silvio Ambrosi, 1988

Siamo nel 1988, ad una cena di gala a Maui (Hawaii) nel corso di un viaggio premio per una annata andata particolarmente bene e Silvio mi sta dicendo:

“Guarda che l’anno prossimo sarà dura, non ti illudere!”

Silvio infatti si attribuiva (e io gli ho riconosciuto sempre volentieri) quella che lui chiamava la saggezza contadina (non ho idea dove l’avesse maturata), frasi che in qualche caso mi accompagnano e mi sono di guida ancora oggi.

Che la terra ti sia lieve, Silvio amico mio !

Il funerale si terrà 
il 22 settembre alle 10:30
nella Chiesa Parrocchiale di
Rivalta sul Mincio
via S.Antonio, 4
RODIGO (MN)

Secondo la volontà della famiglia, chi volesse donare può farlo su questa MoneyBox Paypal oppure direttamente al Reparto Cure Palliative dell’Istituto Oncologico di Mantova a nome di Silvio Ambrosi.

Grazie !