Making simple things unnecessary complicated

Very happy about the performance of my newly-installed Starlink satellite Internet connection.

The dish was installed in less than an hour on a normal antenna pole on my roof (not by me, of course) with the cable running down through the roof to the room where the rest of the equipment is.

This placement is optimal, as there are no obstacles, and the dish can happily connect to the low orbit sat network with minimal interruptions.

I will be keeping the existing ADSL connection as a backup for a while, until I am sure everything works OK then, given the high cost of Starlink, cut off that wire and go totally untethered.

Unfortunately I will need to replace the powerline extender (config utility no longer supported on MacOS) needed to get a decent signal through our thick (in some places almost a metre!) walls, but that’s OK because I’m getting TP-Link extenders where the receiver supports up tp 7 remote extenders all on the same SSID.

Also I will need a switch (EDIT: someone suggested I get a buffer router instead), as the very basic Starlink router only has one network port, so all that is next week’s task, after I get the hardware.

Today’s task involved moving my wireless printers/scanners to the new network. Unfortunately the Starlink router doesn’t have the insecure but practical WPS button, so configuration must be made manually.

BROTHER MFC-6520DW

  • [on the printer control panel]
  • Setup
  • Wireless network
  • [from the list of available SSIDs] Select SSID
  • Enter password
  • OK

HP LaserJet M148DW

  • Connect USB cable
  • Launch HP Smart app
  • Select printer
  • Printer settings
  • Advanced settings
  • Networking
  • Select SSID
  • Enter password
  • The HP Smart utility apparently installs a new printer, as the driver has a slightly different name, so on each computer’s printer list, you’ll need to select the “new” one (and delete the “old” one to avoid confusion)

Took me 5′ to connect the Brother vs. over 2 hours for the H-P, including innumerable resets, reading of manual and perusing of support boards and an assortment of profanities.

Still unclear why the H-P printer control panel does not simply display a list if available SSIDs to associate, but it doesn’t.

Mai perdere la memoria!

Negli anni ’80 fare video di famiglia richiedeva dedizione e sprezzo del pericolo.

Io mi trascinavo dietro una telecamera che aveva le dimensioni di una Arriflex 35mm PIÙ uno scatolozzo che era in sostanza metà di un videoregistratore intero, dato che il supporto erano colossali nastri VHS. Sarebbero dovuti passare una decina d’anni prima che si passasse a cassette molto più piccole tipo VHS-C anche se io nel frattempo ero saltato sul carro Sony e usavo miniDV.

The Arri 35II: the camera that defined a generation of film directors
Gianni mentre filma i suoi figli

In totale però il problema maggiore è sempre stato quello dell’accesso dato che, come su tutti i nastri, i contenuti sono memorizzati in serie. La poca praticità nella fruizione condannò i video di famiglia alla stessa fine ingloriosa cui aveva condannato i filmini 8mm e le diapositive ma è un peccato, non tanto per le immagini la cui qualità è talmente scarsa da far considerare l’oblio come il più pietoso dei destini, quanto per il valore documentale.

A questa difficoltà si aggiunge il fatto che non posseggo più lettori di nastri compatibili con questi formati di cassette.

Sta di fatto che ho deciso di prendere il toro per le corna, digitalizzando il mio “giacimento di famiglia” (una trentina di cassette) scaraventando poi il tutto su YouTube.

Le informazioni di registrazione si riducono a scarabocchi sull’etichetta della cassetta, dunque sarà necessario:

  1. digitalizzare i nastri
  2. tagliare il filmato in spezzono omogenei per evento
  3. visionarli quel tanto che basta per assegnare a ciascuno spezzone coordinate spazio-temporali e un titolo
  4. caricare su YouTube

Per il passo 1. utilizzerò un service esterno che per una decina di euro a cassetta mi consegna dei file MP4 e poi metterò alla prova il mio povero Macbook Air e la mia connessione ADSL per i passi successivi.

Voi che leggete ve la cavate con poco, nemmeno vi posto il link alla playlist – i miei figli però potrebbero non essere altrettanto fortunati…

Birth of the CorpoNation

Gianni Catalfamo, April 2021

ITA

In 1931 Aldous Huxley published a short story entitled “Brave New World” in which he describes a dystopian society based on technological progress.

Ninety years have passed (a bit early to judge since BNW is set in 2540) but it seems to me that Huxley got it all wrong: I don’t see traces of the division into classes based on skills and abilities and I don’t see the slightest trace of City-State within a single world nation. Indeed, it seems to me that we are moving quite rapidly in the opposite direction.

However, technology is altering the characteristics of the Society as we know it, in many ways, some more subtle and others more evident.

Social Entities

Traditionally, society has given itself an identity/organization based on the territory: all the people who live together in a certain territory and who recognize themselves as “similar” form a Nation which also assumes a political value, giving itself governance and customs accepted as normal .

Unfortunately, the concept of Territory and Nation hardly ever coincide perfectly, creating the basis for territorial and / or cultural conflicts that are resolved by sport, war or politics: history tells us that the relative weight of the three means of conflict resolution is changed, but if perhaps we managed to avoid the next war Olympics in the minor leagues the sword is still much more popular than the word or the football.

In the last thirty years, however, a different plan of existence, distinct from the real one, has emerged: one where relationships are woven, transactions are carried out and reputations are created or destroyed: the Internet.

The companies which manage the means for accessing and using this new plan of existence (Apple, Microsoft, Facebook, Google, Amazon) have developed an extraordinary power, such as has never been seen in any other sector of the economy. These are private companies which now develop global turnovers higher than almost all countries in the world, except for a handful, but above all they continue to grow at a rate of 50% per year, while economies around the world eke out – in a good year – 2-3% per year.

Continuing at this rate, Apple will be bigger than the entire US economy in less than 10 years.

Fuelling the growth

What is the fuel of this dizzying and unstoppable growth? It is not technology, nor the Internet: many other successful companies are engaged in these same sectors (IBM, Oracle, Cisco, HP, Samsung) without giving the impression of having the same potential.

I think that the rocket propellant of the aforementioned companies is in the extraordinary capacity that they have demnstrated to reach huge masses of consumers with the products and services they desire, pushing billions of people to voluntarily and knowingly enter their ecosystem, paying for access with a currency that disdains money in lieu of their personal data which these companies package and resell.

But what does a state do?

  1. It offers some shared collective services:
    • infrastructure
    • instruction
    • health care
    • currency
    • public order
    • defence
    • identity
  2. Getting paid by means of general taxation
  3. Determining the strategic directions on the basis of governance mechanisms which – with various nuances and many exceptions – can be traced back to the representative democracy invented in Greece in the 5th century BC.

Changing (but only slightly) terminology, we can say that these companies are growing so quickly because they are able to bring so many citizens into their ecosystem.

The CorpoNation

In light of the above definition, let’s try to see if any of these companies could constitute a State or a “CorpoNation”:

  1. Shared collective services
    • infrastructure – only partially; certainly all the infrastructures inherent to the use of the services and products of the Corps are made available, but not the infrastructures necessary for the basic functioning of society such as roads. These could be the subject of a service contract offered by a territorial company to which the Corps pays a fee proportional to the number of “citizens” physically present in that territory
    • education – all the big companies mentioned are be able to organize and support forms of distance learning, as the pandemic has shown us; this could become a “premium” service offered for a fee to those who need it. Businesses would also be much more effective than states in developing skills certification protocols recognized by one CN to another
    • health – not directly and not in the universal and free form that we have in Europe. In other continents, however, health is guaranteed by less inclusive and universal forms of insurance; in the final analysis it is a question of size and a CorpNation with two or three billion “citizens” could negotiate very advantageous conditions on the insurance market …
    • currency – absolutely yes; even several of these companies are already thinking of developing cryptocurrencies which could be used for transactions within the domain
    • public order – in part it is already done, using as a penalty what was once called confinement, that is, expulsion from the National Body: President Trump was excluded in a few hours from any form of public dialogue on the basis of a decision unilateral by the Social Network police who, without worrying about following the hyper-guarantee process that modern justice has developed to protect the individual citizen, has effectively isolated him from the world. For someone like Trump, locking him in jail would have hurt him less.
    • defense – if by “defense” we mean men and technical resources to protect the borders from external aggressors, this has been happening for some time in each of those companies. Obviously these are digital attacks, and instead of planes, tanks and submarines we have server farms and sophisticated cyber-defense software
    • identity – If the identity takes the form of an attestation recognized by others, the login credentials of Google or Facebook are already worth more than any passport today!
  2. By getting paid by means – not of taxation, but of the access fee
  3. Determining the strategic guidelines – through the rules that govern the functioning of any Shareholders’ Meeting

Overall, the Nation Corps could be much more efficient than the traditional state and, since there would be no more physical borders to defend, probably less conflictual. Furthermore, each citizen could belong to more than one Corps, further improving the level of services received and reducing costs.

What next?

Since this discussion was born together with a group of other people, I will stop here. Perhaps there will be someone who will want to add their own considerations and then you will find them below, attributed to each Author.

If you wish to contribute, write to this address.

La nascita della CorpoNazione


(Gianni Catalfamo, 30 Aprile 2021)

ENG

Nel 1931 Aldous Huxley pubblica un racconto intitolato “Brave New World” in cui descrive una società distopica basata sul progresso tecnologico.

Sono passati novant’anni (un po’ presto per giudicarlo visto che BNW è collocato nel 2540) ma a me sembra che Huxley abbia toppato: non vedo tracce delle divisioni in classi sulla base di competenze e capacità e non vedo la minima traccia di Città-stato entro un’unica nazione mondiale. Anzi, mi pare che si stia procedendo rapidamente in direzione opposta.

La tecnologia però sta alterando i connotati della Società quale noi la conosciamo, in molti modi, alcuni più sottili e altri più evidenti.

Entità sociali

Tradizionalmente la società si è data un’organizzazione identitaria basata sul territorio: tutte le persone che coabitano su un certo territorio e che si riconoscono come “simili” formano una Nazione che assume anche una valenza politica, dandosi una governance e dei costumi accettati come normali.

Purtroppo il concetto di territorio e nazione non coincidono perfettamente quasi mai, creando le basi per conflitti territoriali e/o culturali che vengono risolti per via sportiva, bellica o politica: la Storia ci dice che il peso relativo dei tre mezzi di risoluzione del conflitto è andato cambiando, ma se forse siamo riusciti ad evitare la prossima Olimpiade bellica nei campionati minori la spada è ancora molto molto più popolare della parola o del pallone.

Negli ultimi trent’anni però sì è andato imponendo all’attenzione della società un piano di esistenza diverso da quello reale, dove si intrecciano relazioni, si svolgono transazioni e si creano o distruggono reputazioni: quello di Internet.

Le aziende che gestiscono le modalità di accesso e fruizione di questo nuovo piano di esistenza (Apple, Microsoft, Facebook, Google, Amazon) hanno sviluppato un potere straordinario, quale non si è mai visto in nessun altro settore dell’economia. Si tratta di società private che ormai sviluppano fatturati globali superiori a quasi tutti i Paesi del mondo, eccetto una manciata, ma soprattutto continuano a crescere a ritmi del 50% all’anno, mentre le economie di tutto il mondo quando va bene crescono del 2-3% l’anno.

Continuando di questo passo, tra meno di 10 anni Apple sarà più grande dell’intera economia degli Stati Uniti.

Il motore di crescita

Qual è il carburante di questa crescita vertiginosa ed inarrestabile? Non è la tecnologia, e nemmeno Internet: molte altre aziende di successo sono impegnate in questi stessi settori (IBM, Oracle, Cisco, HP, Samsung) senza però dare l’impressione di avere le stesse potenzialità.

Io penso che il propellente dei razzi delle aziende prima citate sia nella capacità straordinaria che hanno dimostrato di raggiungere masse enormi di consumatori con prodotti e servizi che questi desiderano, spingendo miliardi di persone ad entrare volontariamente e consapevolmente nel loro ecosistema, pagandosi l’accesso con una valuta che disdegna la “vil moneta” preferendole i propri dati personali che queste aziende impacchettano e rivendono.

Ma cosa fa uno Stato?

  1. Offre alcuni servizi collettivi condivisi
    1. infrastrutture
    2. istruzione
    3. sanità
    4. moneta
    5. ordine pubblico
    6. difesa
    7. identità
  2. Facendosi pagare per mezzo della fiscalità generale e particolare
  3. Determinando gli indirizzi strategici sulla base di meccanismi di governance che – con varie sfumature e molte eccezioni – possono ricondursi alla democrazia rappresentativa inventata in Grecia nel V secolo A.C.

Cambiando (ma solo leggermente) terminologia, possiamo dire che queste aziende crescono così rapidamente perché riescono a far entrare tanti cittadini nel loro ecosistema

La CorpoNazione

Alla luce della definizione illustrata al paragrafo precedente, proviamo a vedere se una qualsiasi di queste aziende potrebbe costituire uno Stato o, per meglio dire, una “CorpoNazione”:

  1. Servizi collettivi condivisi
    1. infrastrutture – solo in parte; sicuramente vengono messe a disposizione tutte le infrastrutture inerenti all’utilizzo dei servizi e prodotti dalla CorpoNazione, ma non le infrastrutture necessarie al funzionamento di base della società come le strade. Queste potrebbero essere oggetto di un contratto di servizio offerto da una azienda territoriale cui la CorpoNazione paga una fee proporzionale al numero di “cittadini” fisicamente presenti su quel territorio
    2. istruzione – tutte le CorpoNazioni sarebbero in grado di organizzare e supportare forme di insegnamento a distanza, come ci ha dimostrato la pandemia; questo potrebbe diventare un servizio “premium” offerto a pagamento a chi ne ha bisogno. Le CorpoNazioni potrebbero anche essere molto più efficaci degli Stati nello sviluppare protocolli di certificazione delle competenze riconosciuto da una CN all’altra
    3. sanità – non direttamente e non nella forma universale e gratuita che abbiamo in Europa. In altri continenti però la sanità è garantita da forme assicurative meno inclusive ed universali; in ultima analisi è una questione di dimensioni e una CorpoNazione con due o tre miliardi di “cittadini” potrebbe spuntare condizioni molto vantaggiose sul mercato assicurativo…
    4. moneta – assolutamente sì; addirittura diverse di queste aziende stanno pensando di sviluppare criptovalute che possano essere usate per le transazioni all’interno del dominio
    5. ordine pubblico – in parte viene già fatto, usando come pena quello che una volta si chiamava confino, cioè l’espulsione dalla CorpoNazione: il Presidente Trump si è visto escludere nel giro di poche ore da ogni forma di dialogo pubblico sulla base di una decisione unilaterale della polizia dei Social Network che, senza preoccuparsi di seguire l’iter iper-garantista che la Giustizia moderna ha sviluppato per proteggere il singolo cittadino, lo ha di fatto isolato dal mondo. Per uno come Trump, chiuderlo in galera gli avrebbe fatto meno male.
    6. difesa – se per “difesa” si intendono uomini e mezzi tecnici che servano a proteggere i confini da aggressori esterni, questo avviene da tempo in ciascuna delle CorpoNazioni. Ovviamente si tratta di attacchi digitali, e al posto di aerei, carri armati e sottomarini abbiamo server farm e sofisticati software di cyber-difesa
    7. identità – vogliamo scherzare? Se l’identità si concretizza in una attestazione riconosciuta da altri, le credenziali di accesso di Google o Facebook valgono già oggi più di qualsiasi passaporto!
  2. Facendosi pagare per mezzo – non della fiscalità, ma della fee di accesso
  3. Determinando gli indirizzi strategici – tramite le regole che governano il funzionamento di una qualsiasi Assemblea degli Azionisti

Complessivamente, la CorpoNazione potrebbe essere molto più efficiente dello Stato tradizionale e, dato che non ci sarebbero più confini fisici da difendere, probabilmente meno conflittuale. Ciascun cittadino inoltre potrebbe appartenere a più di una CorpoNazione, ulteriormente migliorando il livello dei servizi ricevuti e diminuendone i costi.

What next?

Dato che questa discussione è nata insieme ad un gruppo di altre persone, mi fermo qui. Forse ci sarà qualcuno che avrà voglia di aggiungere le proprie considerazioni ed allora le troverete qui di seguito, attribuite a ciascun Autore.

Se desiderate contribuire, scrivete a questo indirizzo.

(Lucio Bragagnolo, 3 Maggio 2021)

L’azienda-nazione (d’ora in poi azienda) tende alla verticalità, a fornire principalmente un servizio, là dove lo stato-nazione (d’ora in poi stato) tende alla trasversalità, ovvero a occuparsi di tutto.

Gli stati adottano forme di interscambio di merci e servizi; le aziende tendono semplicemente a lavorare in parallelo, ciascuna sul proprio binario.

La vera differenza è nella cittadinanza, trasversale. Il cittadino aziendale, ipersemplifico, usa hardware Apple, software Microsoft, consegne Amazon, informazioni Google, socialità Facebook. Ci sono certo aree marginali di sovrapposizione e di concorrenza, che lasciano inalterato il quadro di insieme.

Il cittadino aziendale possiede non uno ma numerosi passaporti, o account, e utilizza l’uno o l’altro secondo convenienza per fruire dei servizi desiderati.

Non si resti sorpresi: si rilegga la Dichiarazione di indipendenza del ciberspazio, pubblicata da John Perry Barlow nel 1996.

[rivolto ai governi delle nazioni industrializzate] I vostri concetti legali di proprietà, espressione, identità, movimento e contesto non si applicano a noi [cittadini del ciberspazio]. Si basano tutti sulla materia e qui di materia non ce n’è.

Rileggere Perry Barlow un quarto di secolo dopo è capire che da subito lui aveva intuito l’incapacità strutturale da parte della politica e dei governi di affrontare la novità.

In questi venticinque anni il vuoto conseguente è stato colmato dalle aziende, non tanto per particolare genio o intuizione (Bill Gates aveva snobbato la nascente Internet, prima di capovolgere idea e strategia) quanto per la loro naturale inclinazione a crescere e generare profitto.

Le aziende hanno trovato nuovi settori di fornitura ai cittadini, che gli stati non potevano intrinsecamente comprendere e nei quali quindi non operavano, e hanno iniziato a fornire servizi su scala planetaria. Questa nuova dimensione ha portato le aziende più grandi ed efficienti ad acquisire la medesima scala. Il fatturato di Apple ha lo stesso ordine di grandezza di tanti prodotti interni lordi di nazioni ragionevolmente moderne e sviluppate.

È abbastanza noto che Internet favorisca la disintermediazione, come ha scoperto per esempio e amaramente l’editoria. Le aziende su scala planetaria, semplicemente, disintermediano lo stato.

Questa disintermediazione ha successo perché rimuove vari livelli di frizione introdotti artificiosamente dagli stati.

Si può giocare all’infinito alle differenze e similitudini, ma le due cose che più contano sono queste:

  • la tassazione di uno stato è slegata dalla sua fornitura di servizi, è indifferente alla soddisfazione del cittadino e serve ad alimentare la sopravvivenza dell’apparato statale stesso, mentre nell’azienda la soddisfazione del cliente-cittadino è fondamentale e c’è una corrispondenza diretta tra contributo finanziario e servizio fornito, senza il livello intermedio della burocrazia;
  • l’azienda lavora per offrire servizi capaci di agevolare e facilitare la vita del cittadino, nonché aumentare la sua capacità di sostenersi economicamente. Lo stato è indifferente alla crescita del reddito del cittadino, a parte la richiesta di una tassazione proporzionata.

Le aree di servizio dove non sono apparse aziende planetarie in sostituzione degli stati sono quelle dove, semplicemente, la presenza attuale degli stati è più radicata e monopolista. Nessuno stato consentirebbe, oggi, a un’azienda di proporre servizi alternativi in tema di istruzione, difesa, salute, per dire i principali.

Tuttavia la direzione è chiara e alcuni vecchi capisaldi, per esempio il servizio postale rispetto ad Amazon e alla posta elettronica, sono già saltati.

Se la direzione è chiara, non altrettanto è la previsione dell’assetto futuro che potrebbe prendere la situazione. È indubbio che Internet provochi la disintermediazione dello stato. Altrettanto indubbiamente, nel lunghissimo termine gli stati nazionali sono destinati a scomparire, sostituiti da forniture di servizi a livello planetario (forniture che potrebbero essere gestite da aziende come le vediamo oggi o da strutture interamente nuove). Tuttavia esistono regimi autoritari disposti a minare il funzionamento generale di Internet pur di conservare il loro potere. Anche i regimi democratici iniziano a intraprendere azioni tese a limitare e sminuire la portata dei servizi offerti dalle aziende planetarie. Che cosa succederà nel medio e lungo termine, quindi, è un’incognita sottoposta a molte variabili. Dalla persecuzione fiscale alla nazionalizzazione alla messa fuorilegge dell’azienda, le tattiche a disposizione di uno stato che voglia opporsi alle aziende planetarie sono numerose e potenti.

L’anno appena passato ha aperto comunque una finestra importante sulla concretezza della transizione, che prima della pandemia era oggetto di analisi – ho scritto diversi pezzi in proposito negli ultimi anni – ma rimaneva largamente un fenomeno teorizzato o anticipato con logica un po’ da fantascienza.

Come siano andate le cose lo sappiamo. Alle persone servivano improvvisamente strumenti per lavorare, imparare e comunicare a distanza, informazioni costanti, consegne a domicilio. Tutto questo è stato fornito dalle aziende, non dallo stato. Gli stessi vaccini sono nati per iniziativa privata e forniti su scala planetaria dalle aziende che li hanno messi a punto. Per quanto non abbiano avuto particolare successo, le app di ausilio alle strategie di tracciamento dei contagi si sono basate su un framework offerto su scala planetaria da Apple e Google, implementato su apparecchi iOS e Android.

Fuori dal campo sanitario, la ripresa dei programmi spaziali e la colonizzazione futura di Luna e perfino Marte mostrano la fine del monopolio delle aziende spaziali di stato. SpaceX e Blue Origin erano impensabili ai tempi di un programma Apollo; oggi testimoniano addirittura una concorrenza in atto.

È stata una dimostrazione plastica della validità del principio di sussidiarietà: lo stato ha ragione di esistere nei settori dove manca una iniziativa non statale che, dove sussiste, è in generale più efficiente ed efficace e, dove non lo è, viene spinta a diventarlo, pena essere rimpiazzata dall’iniziativa di una azienda planetaria.

Nessuno stato può raggiungere a livello trasversale l’efficacia e l’efficienza, nonché la salute economica, di una azienda planetaria specialista in un settore. Si può discutere all’infinito di teoria, ma questo è un fatto concreto innegabile che provoca l’evoluzione attuale e potrà essere contrastato anche pesantemente, ma mai contraddetto.

Non credo che le mie figlie vedranno la fine degli stati nazionali, ma l’inizio del loro sfaldarsi sì; queste sono le avvisaglie. Neanche i miei eventuali nipoti lo vedranno, immagino. Spero che invece i miei pronipoti cresceranno ben preparati a questa eventualità.

Did banning #45 put an end to the Internet as we know it?

I loathe the forty-fifth POTUS to the point I refused to write his name for the four disgraceful years he was in office; my American “background” is rooted in Boston, so you can well guess what is my leaning when it comes to American politics. I think #45 trampled over the rule of law so many times it’s impossible to count, and he deserved to simmer for the rest of his life in the ignominy of irrelevance, a small inconsequential bump on the road to bettering the world and the United States.

I rejoice that he’s been brought down politically, soundly defeated in a democratic election despite his many attempts to thwart its unequivocal result.

But I don’t think banning him from Social Networks was a good thing.

The “he violated the platform’s T&C” argument rings a bit hollow, as he did so constantly every day since jan 20th, 2017 without them blinking an eye, maybe because at the same time he was contributing to their growth by getting millions on those platforms – why did this violation became to egregious to prompt his banning only now? Because a thousand drunkards ravaged the Capitol? What about Charlottesville, then?

Sorry, but I don’t buy this. I think instead that once the orc had fallen, keeping him on became an overall liability so beware: each of us might face the same destiny if at some point some beancounter in a windowsless office at Facebook or Twitter’s HQ decides we are doing it more harm than good.

But I would like to raise another point.

For years the Social Networks have maintained the stance of “Net neutrality”, in other words, they likened themselves to the telephone line; accordingly, they could not be held responsible for the babblings of lunatics, any more than a telephone company could be held responsible for 9/11 terrorists using their phone lines to coordinate their attacks.

They said they were NOT like newspaper Publishers, who are ultimately responsible for every article that journalists write on their pages or websites, but by banning an unwelcome member they acted exactly like Publishers, choosing what gets published on their platforms. In stark contrast, #45 still has unrestricted use of his phone lines.

I suspect we are witnessing the single most important decision ever taken by web companies and I suspect it won’t be long before Justices in the U.S. and abroad start changing their views on the corresponsibility of user generated content.

Therefore we can expect far more “active moderation” by platforms to avoid billions in lawsuits, and therefore political oversight over such moderation criteria might be mandated. And what about those countries where such political oversight won’t be merely enforcing “civility”?

“In cauda venenum” said the Romans “the poison is in the tail”; after all, it seems #45 has achieved his dream of being remembered forever: if Tim Berners-Lee has birthed the Internet, the Orange Monkey on the very day of his fall, brought it to its demise.

Immuni e il GPS (2)

Ieri ho scritto un post presentando tre domande ai miei amici più esperti, dai quali mi sono piovuti addosso link e documenti e li ringrazio tutti collettivamente; ho anche fatto un paio di telefonate all’estero (una in Argentina e una in Germania) per sentire l’opinione di due persone che ritengo – ancorché generalmente fuori di senno – estremamente competenti su questo genere di cose.

Le risposte sono arrivate (o almeno io ne sono abbastanza soddisfatto) ma ovviamente hanno richiesto di guadare pagine e pagine di documenti e discussioni tecniche che vanno ben oltre il mio livello; le troverete linkate per supportare le mie interpretazioni, ma non posso escludere di avere commesso errori in buona fede.

Le tre domande

Riassumo per comodità le tre domande poste ieri:

  1. Perché BT normale non richiede la permission GPS e BLE invece sì?
  2. Perché su iOs non è necessaria la permission GPS che invece è necessaria su Android?
  3. Se lo scopo di BLE è consumare di meno, che senso ha richiedere il GPS acceso (che lo vanificherebbe completamente)?

Le risposte

La risposta a tutte e tre le domande deve essere ricollegata al fatto che per minimizzare le necessità energetiche, BLE si appoggia sulla piattaforma Beacon (concepita per interrogare sensori di prossimità a basso consumo) per effettuare la cosiddetta discovery, ovverossia identificare dispositivi con cui accoppiarsi per poi scambiare dati. Tra i dati scambiati con questi ipotetici dispositivi c’è anche la posizione degli stessi che perciò potrebbe essere usata per determinare – almeno grossolanamente – la posizione dell’utente.

Dalla versione 8 è stata riconosciuta la necessità di una API specifica che consentisse la discovery senza accesso alla geolocalizzazione ed è stata introdotta la Companion Device Manager API; la Guida per gli sviluppatori infatti ci dice che:

Because discoverable devices might reveal information about the user’s location, the device discovery process requires location access. If your app is being used on a device that runs Android 8.0 (API level 26) or higher, use the Companion Device Manager API. This API performs device discovery on your app’s behalf, so your app doesn’t need to request location permissions.

Per i non anglofoni, “[…] su dispositivi che funzionano con la versione di Android 8 e successive utilizzate la Companion Device Manager API che esegue la scoperta senza richiedere la permission relativa alla posizione […]”

Dunque la risposta 1 è che BLE e BT sono diversi (quest’ultimo non usa Beacons) mentre la risposta alle domande 2 e 3 coincide perché è legata alla possibilità che la app venga installata su uno smartphone ormai vecchiotto: per non escluderli è stato scelto di supportare la API più “vecchia” che funziona su tutte le versioni, a prezzo però di richiedere una permission in più e con consumi energetici maggiori.

Conclusione

Si poteva evitare tutto questo casino (polemiche, servizi su Report, ecc.) ?

Effettivamente i dispositivi che hanno una versione successiva alla 8 non sono la totalità, ma al momento in cui scriviamo questo articolo rappresentano oltre l’80% del parco a livello mondiale e l’85% in Italia.

Al posto degli sviluppatori avrei forse scelto di supportare per default la API più moderna (e più rispettosa della privacy), avvertendo gli altri che:

Attenzione: stai installando la app su una versione di Android antecedente alla 8 e pertanto ti verrà richiesto il permesso di lettura della posizione, anche se questo dato NON viene utilizzato.

Immuni e il GPS

Disclaimer: l’ultima volta che ho programmato un computer, i linguaggi à la page si chiamavano Assembler, Pascal, Fortran IV e Cobol. Per i più arditi c’era l’APL, dunque non venitemela a menare…

Come tutti, dato che non vivo in una caverna, ho seguito il dibattito sulla app Immuni capendoci assai poco, ma alla fine decidendo di installarla sulla base di un campionamento tra le persone della mia bolla.

Ieri l’amico Massimo mi chiede: “Ma anche a te smette di funzionare se spegni il GPS?” Io il GPS lo lascio sempre acceso, dunque ho dovuto provare per saperlo e, in effetti, la app segnala immediatamente errore.

Allora ho cominciato a tartufare un po’ in giro scoprendo che il GPS acceso è necessario solo con Android, escludendo dunque che sia un bisogno della app, ed escludendo perciò che si tratti di un malizioso tentativo per tracciare più di quanto sia necessario.

Ciò detto, ha ragione Massimo: col dibattito che c’è in giro, non spiegare PERCHÉ sia necessario accendere il GPS potrebbe portare qualcuno ad insospettirsi ed evitare di installare la app.

Ma soprattutto per me non spiega COME MAI questa particolare permission sia necessaria; un puntatore me lo ha indicato Leonardo, segnalandomi che nelle discussioni tra sviluppatori è fatto noto che per usare BLE (Bluetooth Low Energy) sia necessario chiedere la permission GPS.

Le discussioni tra sviluppatori fanno venire il mal di testa, ma dopo un’oretta passata su questa ho capito che:

  • non è un baco. Google ha risposto che “questo è il comportamento previsto”. Dunque non si tratta di una situazione che, prima o poi, verrà risolta.
  • il processo di scansione con BLE consente (in linea di principio) di identificare grossolanamente la posizione del dispositivo.
  • per questa ragione, Google ha deciso di rendere trasparente queste situazione, imponendo la permission esplicita GPS: in altre parole, se non ti va che possa essere tracciata la tua posizione, almeno lo sai e puoi decidere di non usare quella app.

Fin qui tutto chiaro? Mica tanto: mi rimangono tre dubbi:

  1. il protocollo BT normale (non Low Energy) invece non richiede la permission GPS: per logica, questo significa che una scansione BT normale NON rivela la posizione. Come mai ?
  2. l’obiettivo del BLE è proprio quello di consumare meno energia. Non viene vanificato dalla necessità del GPS acceso (notoriamente gran consumatore) ?
  3. ammesso che sia vero che iOs non richiede il GPS, delle due l’una: o Apple se ne frega del fatto che una scansione BLE permetta un tracciamento geografico indebito e confida nel fatto che gli sviluppatori di app BLE non sfruttino questa possibilità, o Apple ha trovato il modo di evitare che la scansione BLE riveli la posizione. Spero la seconda, ma mi domando perché non condividere con Google perché le due API potessero funzionare esattamente allo stesso modo….

Torno a Massimo che si arrabbia perché si sente preso per il naso per dirgli: ammesso e non concesso che quello che ho scritto sopra sia corretto, te lo immagini spiegarlo ai giornalisti ?!?

Di privacy e carte di identità

Per evitare di ripetere cento volte le stesse affermazioni, forse è meglio metterle qui una volta per tutte.

Il dibattito sulla proposta Marattin (chi non sa di cosa si tratti può pure saltare il resto dell’articolo) è vivacissimo proprio perché mette di fronte due istanze egualmente degne di attenzione:

  • il diritto all’anonimato (si pensi a chi vive in un paese totalitario)
  • la necessità di perseguire chi viola la legge

Le mie credenziali in questo campo non derivano dai miei studi né dalla mia attività professionale, quanto dal fatto di aver operato quale consulente pro bono in alcuni Paesi che non potremmo definire “dittature” tout court, ma ove le libertà personali potrebbero risultare più ristrette che (almeno non ufficialmente) nei paesi dell’Europa Occidentale.

In questi viaggi verso Est o verso Sud i miei interlocutori erano quasi sempre accademici o intellettuali e l’argomento – sembra incredibile – è saltato fuori più spesso di quanto uno si aspetterebbe.

Le mie riflessioni tra un couscous e una vodka sono culminate in un breve saggio pubblicato nel 2013 (e che chi volesse separarsi da 2 euri può acquistarlo su Amazon ancor oggi) al solo scopo di non doverci più ritornare; le indicazioni in esso contenute hanno in parte trovato riscontro nel progetto SPID col quale, però, è bene chiarire che non ho avuto nulla a che fare.

Il saggio cerca di descrivere cosa sia – a mio modo di vedere – la “persona digitale”: la sua identità, i suoi dati, la sua rete di connessioni, la sua “stream” di interazioni e commenti, affermando il principio fondamentale che l’unico proprietario e titolare di ogni diritto è la persona stessa.

Questo principio è a mio modo di vedere di un ordine superiore persino rispetto alla libertà di espressione ed alla vita stessa: prima di essere travolto dalle vostre obiezioni provo a dirlo in un altro modo. Da buon cattolico ho imparato che il valore supremo è la Verità, e non la Vita: se così non fosse, il sacrificio di Gesù Cristo e dei martiri da un punto di vista dogmatico non avrebbe il minimo senso….

Se dunque devo scegliere tra i due, personalmente scelgo la Verità.

E che vuol dire Verità su Internet? Beh, vuol dire avere certezza di chi sia la persona con cui parlo ed avere la responsabilità diretta e personale di ciò che scrivo.

Gli obiettori dicono: ma l’anonimato assoluto su Internet NON ESISTE, chiunque è tracciabile, commettendo il gravissimo errore di confondere l’identità di un dispositivo (legata sostanzialmente all’ineluttabile necessità di un indirizzo IP) con l’identità della persona: con tutta la loro tecnologia, loro (o se preferite, la NSA) possono sicuramente tracciare il dispositivo da cui è stato scritto un certo messaggio, ma assolutamente non provare che dietro alla tastiera c’era Gianni Catalfamo, interrompendo la catena probatoria che mi porterebbe ad essere penalmente responsabile delle pernacchie che indirizzo quotidianamente al mio amico Roberto Rossi dal mio indirizzo.

Succederebbe la stessa cosa se non esistessero le anagrafi: un reo potrebbe essere solo condannato se colto in flagrante innanzi a testimoni. Ogni processo basato su prove documentali perderebbe di significato perché se le suddette pernacchie le inviassi a Roberto per iscritto firmandomi pure, nessuno sarebbe in grado di provare che “Gianni Catalfamo” è quel tizio alto un po’ in sovrappeso e sbatterlo in galera come merita.

Dunque in uno Stato di diritto l’anonimato personale è ottimo ed abbondante, garantito proprio dallo Stato di diritto stesso.

E’ in uno Stato totalitario che viceversa, l’anonimato NON ESISTE: una Gestapo, un KGB, una STASI non si preoccupava certo di questi dettagli da leguleio: il sospetto trovato nei pressi della tastiera tracciata viene caricato di mazzate finché non confessa, e buonanotte ai suonatori!

Dunque il c.d. anonimato su Internet non protegge nessun dissenziente né gli garantisce protezione contro la polizia segreta del suo paese dittatoriale, anzi: facendogli credere di essere protetto, lo espone al gravissimo rischio di finire come Jamal Kashoggi.

C’è qualcosa da criticare nella proposta Marattin?

Eccome: ad esempio l’idea novecentesca che sia necessario “depositare la carta di identità” (creando un potenziale rischio per la custodia di dati in capo a soggetti esteri) quando persino in Italia c’è lo schema SPID che è perfettamente capace di identificare la PERSONA senza mandare dati in giro, oppure l’idea che una iniziativa del genere possa essere nazionale quando è ovvio che deve essere di respiro ALMENO europeo.

Ma del resto, stiamo parlando di un tweet, non di una proposta di legge già scritta, per arrivare alla quale si possono e si devono introdurre importanti miglioramenti.

La direzione, però, è a mio parere perfettamente centrata ed andrebbe aiutata invece di osteggiarla per mal posto fervore ideologico o più prosaicamente perché “non l’ho detto io”.

Lead generation on LinkedIn

To get my startup OneWedge (onewedge.com) off the ground, I am relying heavily on LinkedIn. I search for Fleet Managers, Energy Managers or Managers of Indirect Purchasing to ask them for a meeting to discuss the opportunities of an electric fleet.

It is a rather specific target, and given I am looking for fleets of a medium-to-large dimension, not very numerous.

In these almost 12 months I have been patiently researching my target list who is today 538 names strong; unfortunately for a few I haven’t been able to locate the right person and have decided I would avoid spamming people who may not be the right target for me, leaving 450 of which I have contacted with a LinkedIn InMail 338, eliciting a response from 118 and obtaining 35 face to face appointments.

My emails are close to the maximum length LinkedIn will allow because my topic is complex, and my target fairly technical: I feared making them “short and sweet” (as the book goes) would make me sound superficial. Marketing is an insult around here :-D

Looking at my data, I see a couple of interesting factoids which may be of use to others.

Day of Week people respond

Delay in responding

(the maximum I have on record is someone responding 212 days after I sent my message)

What is the interpretation (my €0.02)?

  1. The overall response rate (34%) compares favourably with the typical response rate of direct mail campaigns (in the single digits) but I wish LinkedIn provided better analytics: messages received on LinkedIn are notified to an email address, but most people don’t use their business email address, opting instead for a personal one which may or may not be as frequently checked. As a result, I ignore whether the message was opened at all and then discarded as opposed to opened, read and then ignored. A newsletter with better analytics sent to the same target suggests however that fully two-thirds of recipients never open messages AT ALL.
  2. Checking the LinkedIn profile seems a task reserved for the end or the start of the week: nearly 50% of responses came on Mondays or Fridays, making Thursday the best day to send. Of course, don’t expect much over the week-end…
  3. If someone doesn’t respond within 2 days chances are s/he will never respond, as the notification gets drowned in the flow of later emails. 70% of responses happen within 72 hours; those who happen later (even much later) I suspect are due to the individual having missed the notification email and occasionally checking their profile.
  4. I tried plotting the delay in responding against the number of connection, to determine if people with a big network are more assiduous in checking their profile, but could not spot any obvious correlation: I have people with three connections responding within 24 hours, while the 212 days delay belongs to a member with over 500 connections.
  5. While they may not be more timely in answering, people with larger networks are more likely to respond altogether: almost 44% of responses come from people who have 500 connections or more which represent only 29% of my list, while only 8% came from people with less than 50.

Furthermore, to confirm or disprove #2 above, I analyzed when is the best day to send a cold email to someone I don’t know, obtaining these results (the distribution of my 338 sends is the red bar, while the distribution of the 118 responses is the blue bar)activity by weekday.png

While there are marginal differences, the two distributions are IMHO pretty close to each other.

Perhaps more interesting is to look at those messages which elicited a quick response (it’s important because we saw before that 60% of the answers come within 2 days), and here the trend seems a bit more evident: over 50% of the quick responses I received belong to messages sent on Thursdays or Fridays, thereby confirming conclusion #2.

immediate responses

Black you-know-what

Having successfully avoided spending a penny during all of today, I feel I can safely share an important buying tip.

One of the questions that’s resonating the most on the radio today is a simple one

How do I know if a deal is really a deal?

Apparently (God forbid!) some storekeepers indulge in the shady practice of jacking up the price of an item the week before, so that they can claim they offer a 25% discount on BF, so how do you protect yourself?

Well, taking picture of shop windows the week before to record prices and comparing them is a way, but very lo-tech.

For those who shop on Amazon (and only Amazon, AFAIK) there is however a much more hi-tech way, called CamelCamelCamel (*)

camel

Once you enter an Amazon product code this website will start tracking its price, so that you know if the deal is really a deal. Some product go back a very long time, others not so long – I guess depending on the shelf life on Amazon.

For example, I can tell you that Special Edition DVD of “Dumbo” is now being offered at the lowest price it has seen since 2012 – truly a shame I am on shopping detox!

Screenshot 2017-11-24 19.13.20.png

Some of these charts are puzzling and the short-term price hikes/drops show you how much experimenting retailers do with their prices.


(*) I’m sure there’s a great story behind the funny name, but I can’t be bothered to research it