Due mesi con Hyundai

Ho ritirato la mia Kona EV 64 kWh poco più di due mesi fa, dopo una attesa essa stessa non priva di arrabbiature (ma questa volta rivolte verso il concessionario) che forse racconterò in altro post.

Fino dai primi giorni l’auto presenta un fastidioso inconveniente: in modo imprevedibile la batteria di servizio (quella a 12V, per intendersi) si scarica completamente e l’unico modo per rimettere in moto l’auto è fare ponte con la batteria di un’altra auto.

Descriverò ora la cronologia degli eventi anche allo scopo di documentare la messa in mora che ho inviato oggi in Hyundai per vizio occulto del bene.

4 luglio 2019: ritiro l’auto presso la concessionaria Ferri Auto di Villorba (TV); nessun problema nel viaggio di ritorno. Nei giorni successivi uso intensamente l’auto caricando sempre a casa con il Wallbox 7.4kW della S&H.

22 luglio 2019: al mattino l’auto ha la batteria a terra; la faccio ripartire con l’aiuto di un’altra batteria e la uso normalmente senza problemi.

23 luglio 2019: il problema si presenta nuovamente e allora prenoto un intervento presso la concessionaria Autotorino di Cava Manara (PV), la più vicina al mio domicilio.

25 luglio 2019: l’officina esegue il test sulla batteria di servizio, determinando che è in ottime condizioni e dunque NON la sostituisce. Il tecnico suggerisce due “test” casalinghi:

  • non lasciare la chiave in auto durante la ricarica notturna per evitare di lasciare accesi sensori e simili
  • provare a NON fare una ricarica notturna

Eseguo entrambi i test e il problema non si ripresenta: tutte le prove negative, però, non rivelano nulla. A scopo precauzionale, acquisto un booster da portare con me.

26 luglio 2019: segnalo comunque a Hyundai Italia la situazione, chiedendo anche come mai non si sia attivata la funzione SalvaBatteria che dovrebbe servire proprio a questo. Hyundai mi risponde… di interpellare un’officina autorizzata. Chiarito che è stato già fatto, mi chiedono di informarli la prossima volta che si verifica l’inconveniente per l’apertura di una “supervisione tecnica”.

agosto 2019: giro l’Italia e la Sicilia in lungo e in largo caricando da casa, dagli alberghi, dai caricatori ENEL, insomma un po’ dove capita senza il minimo problema.

5 settembre 2019: l’auto ha nuovamente la batteria a terra e non riesco neppure a farla partire col booster (scoprirò successivamente che la batteria ha una tensione talmente bassa (<6V) che il booster non entra in azione).

9 settembre 2019: l’auto entra in officina a Cava Manara. Ne esce il giorno 10 per una mia necessità urgente e rientra l’11.

16 settembre 2019: ritiro l’auto su suggerimento dell’officina stessa che non è riuscita a riprodurre il problema, nonostante la supervisione di Hyundai. Mi chiedono – la prossima volta – di non rimettere in moto l’auto ma di farla trasportare così com’è dal carro attrezzi. Nei due giorni successivi uso l’auto caricandola la sera senza problemi.

18 settembre 2019: l’auto ha nuovamente la batteria a terra, la tensione alla batteria è 5.71V. La richiesta di non accendere neppure l’auto è incompatibile con la manovra di carico sul carro attrezzi (cambio in P, freno di stazionamento inserito, volante bloccato) ma riusciamo ad evitare la messa in moto vera e propria. L’auto entra in officina dopo che ho allertato Hyundai.

19 settembre 2019: invio a Hyundai Italia una PEC con la messa in mora formale; forse in conseguenza del tono un po’ secco che ho tenuto (mia moglie è avvocato e ne ho approfittato…), ricevo una telefonata nella quale mi dicono quello che so già: la mia auto è dal concessionario, mi faranno sapere. Rilevo che in 48 ore di esame mi sarei aspettato qualcosa di più, ma continuo ad aspettare speranzoso.


[continua…]


Riassumendo:

  • la funzione Salvabatteria è selezionata, ma NON entra in azione
  • in situazione normale la batteria sembra in ottima salute (12,5V di tensione) ma a macchina spenta e radio accesa, dopo pochi minuti si accende l’allarme “Batteria bassa” dunque forse NON è proprio in ottima salute…
  • il problema si presenta a intervalli imprevedibili ed irregolari
  • il problema si presenta sia che l’auto fosse in carica sia che non lo fosse, ma nel primo caso solo DOPO che è finita la ricarica (lo vedo dal report di ricarica del caricatore), ed in ogni caso solo al mattino
  • le chiavi NON restano in vettura che viene chiusa e bloccata appena avviata la ricarica o lasciata in sosta
  • non ho montato accessori di nessun genere.

È ovvio che si tratti di un difetto esiziale che mi rende impossibile l’uso dell’auto e che non possa in alcun modo trattarsi di usura o utilizzo improprio; in mancanza di una soddisfacente risoluzione tecnica, gli unici rimedi che vedo sono la sostituzione dell’auto con una identica o il totale rimborso.

È altrettanto ovvio che sto scontando le prevedibili difficoltà legate ad un prodotto nuovo nei confronti del quale anche l’organizzazione Hyundai stessa ha poca esperienza; lo sapevo e sono disposto a collaborare in modo fattivo e costruttivo, ma io di questa auto  ho bisogno, anche perché faccio 45.000 km l’anno…

2 thoughts on “Due mesi con Hyundai

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s