Parliamo per un attimo di cose serie…

Qualcuno saprà quanto cordialmente antipatici mi stiano i fornitori di energia, e che ho avuto modo di prendermi a cornate con alcuni di essi in più di una occasione.

costo dell'energiaOrbene ieri ho spulciato i siti di alcuni di essi (li ho scelti a caso, dunque non pretendo di rappresentare una analisi statistica) cercando i prezzi che vengono comunicati al pubblico, trovandomi in brevissimo tempo completamente smarrito. Ognuno scrive assolutamente quello che vuole e lo chiama come vuole, l’incidenza della materia prima sul prezzo finale cambia e anche di molto tra un fornitore e l’altro e nessuno, ma proprio nessuno cita mai un prezzo totale complessivo.

Tra quelli esaminati l’ENEL è quella che si avvicina di più, citandomi un prezzo complessivo “escluse le imposte”! Ma perché? Non si tratta forse di un prodotto rivolto al consumatore per il quale IVA, accise e ogni altra imposizione fiscale sono un costo diretto ed inevitabile? Dall’ortolano o al bar i prezzi sono forse esposti senza IVA?

Ho tentato di compilare una tabellina, che riporto qui sotto, sapendo bene che probabilmente ho commesso più di un errore:

Elettricità 3500 KWh/a
Fornitore  Quotato % sul totale  In fattura  Web
ENI  €213,50 38,0%  €0,196  Link 
ENEL  €849,25  €0,296  Link 
GDF Suez  €297,50 39,6%  €0,262  Link 
Heracomm  €242,55 41,2%  €0,205  Link 
Sorgenia  €0,289  Link 
Edison  €294,00 50,0%  €0,214  Link 
Gas 2500 SMC/a
Fornitore  Quotato  % sul totale  In fattura  Web  
ENI  €800,00 33,0%  €1,067 Link
ENEL  €1.986,00 100,0%  €0,874 Link
GDF Suez  €1.025,00 50,3%  €0,896 Link
Heracomm  €872,75 58,9%  €0,652  Link 
Sorgenia  €0,662 Link
Edison  €947,50 60,0%  €0,695 Link

La variazione tra i prezzi è sbalorditiva: sia per il gas che per l’elettricità tra il fornitore più economico e quello più caro balla oltre il 50% del prezzo.

L’ENEA mi dice che nel 2010 le famiglie italiane hanno consumato circa 15M TEP (tonnellate equivalenti di petrolio) per riscaldare le proprie case e circa 6M TEP di luce; Dato che in termini energetici 1 TEP = 1108 SMC di gas = 11,630 KWh di luce, la spesa totale delle famiglie italiane in energia residenziale, valorizzata con i costi che vedete sopra oscilla tra 24,50 e 38,38 MILIARDI di EURO.

Bolletta energetica delle famiglie italiane

 M TEP  K Costo min Costo max
gas  15,00  1.108  €0,652  €1,067
luce  6,00  11.630  €0,196  €0,296
 Totale (€ miliardi)  24,50  38,38

In altre parole, basterebbe che la concorrenza nell’energia funzionasse DAVVERO per ri-mettere in tasca alle famiglie italiane oltre 10 miliardi di euro ogni anno, senza che questo costi un solo centesimo al bilancio dello Stato.

Per ottenere questo risultato basterebbe che il nostro Parlamento imponesse una semplicissima norma di trasparenza, obbligando i fornitori di energia a indicare, sulla prima pagina della fattura che inviano al cliente il

Prezzo Unitario Totale

(PUT) [*] di ciascuna unità (SMC o KWh) che viene fatturata.

Stesso obbligo per il sito web, per le promozioni telefoniche, per il materiale pubblicitario che dovrebbero sempre recare una chiara indicazione del PUT; in particolare il sito web dovrebbe avere un simulatore di costi dove inserire comune di residenza e consumi previsti ottenendo in risposta un PUT impegnativo contrattualmente.

A titolo di esempio personale, nel mio caso:

  • PUT (e) = €0,35 / KWh (GDF Suez)
  • PUT (g) = €1,00 / SMC (ENI)

I nuovi valori che Hera mi ha promesso dovrebbero (il condizionale è d’obbligo) essere rispettivamente 0,18 e 0,61: vedremo quando cominceranno ad arrivare le fatture.

Provate a calcolare i vostri, dividendo il totale a pagare di ciascuna fattura per il numero di unità e vediamo se vi incazzate anche voi…

NOTA [*] PUT = prezzo comprensivo di ogni e qualsiasi onere a qualunque titolo dovuto a chiunque da parte del cliente; dunque include costo della materia prima, del suo trasporto, delle perdite, dei servizi di vendita, delle accise, dell’IVA e di ogni altra voce che la perversa fantasia di qualcuno si possa mai inventare.

3 thoughts on “Parliamo per un attimo di cose serie…

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s